Via Rampa Tofara, 9 - 83100 Avellino (AV)
+39 338 4881174
info@cibarie.store

lupino gigante di vairano in acqua di mare

lupino gigante di vairano in acqua di mare

6,30

PREZZO CONFEZIONE DI 580g (SGOCCIOLATO 380g)

TEMPI DI CONSEGNA: 5 GIORNI LAVORATIVI

Esaurito

Descrizione

LA STORIA

Lupinone di Vairano, gigante di Vairano o lupinaccio: sono gli altri nomi con cui è noto il lupino gigante di Vairano, particolare per le grandi dimensioni. Antica produzione tradizionale – oggi abbandonata e sostituita da colture più redditizie – predilige i terreni acidi; per questa ragione l’area di Vairano, al confine tra Campania e Lazio e di origine vulcanica, è da sempre adatta a questa coltivazione.
La pianta raggiunge il metro e mezzo di altezza, il fiore è bianco, le foglie verde intenso. Il frutto è un legume lungo e schiacciato, che contiene fino a sei semi, di colore beige, dalla forma tondeggiante e del diametro di un centimetro e mezzo.
Seminato in ottobre e novembre, il lupino fiorisce da metà maggio a fine giugno e preferisce temperature elevate: infatti, più fa caldo, più è abbondante la fioritura e quindi il numero di baccelli. La raccolta avviene a luglio, poco prima della piena maturazione, tagliando o estirpando le piante e lasciandole in campo a completare l’essicazione. Dopodiché si procede con la trebbiatura, che avviene storicamente nelle prime ore del mattino per evitare che i baccelli si aprano, a causa del calore.
Una volta raccolti, i baccelli vengono battuti e i semi raccolti sono puliti e selezionati. Per poterli consumare, è necessario immergerli in acqua fredda 24 ore, sbollentarli due minuti e infine lasciarli in immersione per tre giorni in una salamoia. Un tempo, si sistemavano in grandi sacchi e si immergevano nelle acque del Volturno per settimane. I lupini sono un ottimo spuntino o un antipasto, magari accompagnati da olive e semi di zucca.

STAGIONALITA’

La raccolta avviene a luglio, essicati, sono disponibili tutto l’anno.

PRESIDIO PROGETTO

Oggi i lupini arrivano dall’estero, in particolare da paesi come India e Australia e la coltivazione nel Casertano non è più redditizia. Nonostante ciò, due aziende hanno conservato i semi e la produzione della varietà autoctona.
Il Presidio del lupino gigante di Vairano – insieme alla cipolla di Alife e all’oliva caiazzana – nasce nell’ambito del progetto Presidio della Biodiversità dell’Alto Casertano, realizzato da Slow Food Campania e dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità per valorizzare i prodotti più interessanti dei territori del GAL Alto Casertano che comprendono le macroaree del Monte Matese, del Monte Maggiore e del Monte Santa Croce.
L’obiettivo è rilanciare la coltivazione del lupino, distribuendo i semi a nuovi agricoltori e recuperando alcuni terreni agricoli fertili, ma abbandonati e incolti.

AREA DI PRODUZIONE

Comuni di Vairano Patenora, Tora e Piccilli, Pietravairano, Caianello e Teano in provincia di Caserta.

Presidio sostenuto da
Gal Alto Casertano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “lupino gigante di vairano in acqua di mare”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *